A4GOD /

an Inquiry into Eidolatria and
Contemporary Drawing in Italy

info@a4god.com


PROGETTO

Dio, da quando non è più solo quel signore con la barba bianca, è diventato piuttosto difficile da inquadrare. È ormai evidente che il concetto si è fatto più sfumato e molto personale, e che esistono innumerevoli modi di pensarlo e immaginarlo: non più solo lassù nel cielo, ma anche in ogni aspetto nella natura, nell’angolo della cameretta, nei gesti e nei pensieri, o negli extraterrestri… Per ogni essere umano, forse esiste un'idea diversa di Dio. Anche la situazione dell’illustrazione in Italia è sfumata e difficile da inquadrare. Non esistono pubblicazioni di riferimento che svolgano funzione di valorizzazione per i "segni" più interessanti.

È per questo che abbiamo selezionato 105 artisti e illustratori (un numero triangolare, quindi in qualche modo anche lui rappresentativo del divino) e gli abbiamo chiesto di disegnare, in esclusiva per questo progetto, la loro idea di Dio. I 105 artisti, tutti italiani o stranieri che in Italia vivono e lavorano, si sono trovati ad affrontare un tema che li ha costretti a guardarsi dentro e a tirar fuori la parte più personale e misteriosa del loro immaginario. I risultati sono estremamente eterogenei e potrebbero affascinare teologi e psicanalisti, ma soprattutto gettano una luce – che ci voleva – sul panorama della produzione contemporanea di immagine in Italia.

L'indagine sulle persone è stata approfondita rivolgendo lo sguardo della divinità verso ogni autore: 105 ritratti del fotografo Alan Chies ci restituiscono l'immagine di tutti gli artisti coinvolti nel progetto.

Per raccogliere e confezionare le 105 espressioni del concetto di infinito, è stato scelto per contrasto un contenitore standard ed estremamente definito: l’A4, il formato della mera riproducibilità. A4GOD è una scatola che contiene tutte le illustrazioni. E che può costituire una mostra ready-made.


Curatori

A4GOD è un progetto di studio POMO, a cura di Marco Cendron e Alessandro Cavallini.

POMO è un gruppo di lavoro. È dedicato alla ricerca nella comunicazione. Ha sede nel LORCa (a Milano). Si occupa principalmente di grafica e art direction. È pieno di libri. Non ha stampanti a colore. Ha le dimensioni di quattro celle carcerarie. È pieno di riviste. Ha le fondamenta che poggiano su un bar etiope. Cerca di guardare più cose possibili. Medita trascendentalmente. Cerca di fare più cose possibili. Spera di sparare.

www.thepomo.com


Ritratti

Alan Chies nasce a Cuneo, ma presto si trasferisce in Veneto, dove ha inizio la sua formazione. Studia filosofia alla Ca’ Foscari di Venezia, dove segue le lezioni di Italo Zannier. Si trasferisce poi a Milano. Qui lavora come assistente di fotografi affermati, esperienza che gli permette di sviluppare un linguaggio del tutto personale. Il particolare uso della luce, attraverso ombre e sfocature, riesce a dare un senso di poetica introspezione al soggetto.

Le immagini di A4GOD sono state post prodotte da Numérique.

www.alanchies.com


Il dio serpente in copertina è di Cristina Amodeo.


Il testo introduttivo è stato scritto da Simonetta Roncaglia.


Supporto

A4GOD è reso possibile grazie al fondamentale contributo di ARCTIC PAPER e della Tipografia Negri di Bologna.


Per l'integrità del progetto, in questo sito e nei portfolio on-line degli artisti coinvolti non sarà possibile vedere le opere se non in questa preview.